MOLINO ROSSETTO porta i brik, all’Anuga di Colonia in Germania

lamarcainstore by Retailtrend.it (4 ottobre 2019) – Dopo aver lanciato con successo sul mercato interno la linea di farine, preparati e cereali in brik di carta FSC, prima e unica in ItaliaMolino Rossetto è pronta a presentare la gamma anche ai buyer internazionali. L’occasione è Anuga, l’importante kermesse dedicata ai professionisti del food&beverage in programma da sabato 5 a mercoledì 9 ottobre a Colonia, in Germania.

Obiettivo è dimostrare la dinamicità di un brand che fin dal suo ingresso in grande distribuzione ha saputo costantemente innovarsi e distinguersi, intercettando le tendenze di mercato e gli insight del consumatore finale. Lo confermano i numeri: se nel 2010 il marchio in gdo fatturava 5,5 milioni di euro, oggi il giro d’affari è salito a 18 milioni, pur all’interno di un mercato flat, di cui il 2% realizzato all’estero, con presenza in oltre 20 Paesi.

La nostra nuova linea in brik rappresenta un’idea pratica, moderna e innovativa – spiega Chiara Rossetto che, insieme al fratello Paolo, dirige l’azienda – che crediamo piacerà soprattutto ai buyer nordeuropei, sia per il suo alto contenuto di servizio, a vantaggio sia del punto vendita che dell’utilizzatore finale, sia per il suo particolare design. Un progetto su cui abbiamo investito molto, con un impianto del costo di 1 milione di euro“.

Il brik consente di utilizzare la farina in modo efficiente e pulito, è resistente ed è facile da stivare. Non solo: si richiude facilmente e, una volta terminato il contenuto, può essere riutilizzato come contenitore, trovare nuova vita o essere riciclato separando con facilità il tappo dosatore attualmente in plastica dal resto della confezione.

Il packaging è inoltre dotato di un oblò sul fronte che mostra il contenuto e di un indicatore del quantitativo rimanente sul fianco, con diversi livelli di grammatura, per intuire a colpo d’occhio la scorta di farina a disposizione. La sua particolare forma “V pack”, che si allarga dalla base verso l’alto, consente inoltre di arricchire la confezione di informazioni. Spazio dunque alle tabelle nutrizionali, alle indicazioni di riciclo ma, soprattutto, alle tappe principali della storia dell’azienda, giunta ormai alla settima generazione, raccontate attraverso una timeline. Un elemento importante per molti consumatori, soprattutto all’estero.

La gamma, inizialmente lanciata nelle referenze Farina di grano tenero “00”, Farina di grano tenero “00” 100% grano italiano, Farina integrale 100% grano italiano e Farina di grano tenero “0” Manitoba, si è recentemente arricchita con Polenta bramata gialla, Polenta istantanea gialla, Semola rimacinata di grano duro e Farina tipo “1” e di altre 4 referenze biologiche – Farro soffiato al miele, Grano Cappelli soffiato al miele, Orzo soffiato al cioccolato e Fiocchi d’avena – che soddisfano il target di consumatori che cerca questa tipologia di prodotto, in costante aumento, e che porta a circa 70 il numero di referenze bio in assortimento.

Precedente Acqua Filette tra i protagonisti italiani di Anuga 2019 Successivo Le "private label" di Pam Panorama festeggiano 30 anni